Scorri la pagina

Donne invisibili

Le migrazioni femminili causate dalla crisi climatica in Sud Asia.

Uno sguardo alle esperienze di donne migranti in Afghanistan, Pakistan e Bangladesh

Una nuova ricerca mostra come donne e bambini siano colpiti in modo sproporzionato dalla migrazione climatica, il che li espone a un rischio maggiore di violenza di genere, lavoro minorile e sfruttamento.

Secondo la nostra ultima ricerca, le donne e le ragazze sfollate a causa di disastri climatici hanno maggiori probabilità di subire violenze domestiche, molestie sessuali, tratta e matrimoni forzati precoci e precoci.

Nel campo profughi di Shaiday vicino a Herat, in Afghanistan, che ospita 42.000 famiglie, dove si stima che il 75% degli sfollati sia a causa dei recenti disastri climatici, ActionAid ha scoperto genitori che avendo perso tutto a causa di gravi inondazioni, stavano cercando di fissare un "prezzo da sposa" per bambine con età fino a due anni, delle quali non potevano più permettersi di prendersi cura.

I governi devono garantire la sicurezza e la protezione delle donne e delle ragazze nelle emergenze climatiche, compreso l'accesso sicuro ed equo ai servizi di base, al cibo e all'assistenza sanitaria prima, durante e dopo i disastri. Le donne devono anche essere incluse nel processo decisionale nelle loro comunità in modo che possano guidare e affrontare le questioni di genere della migrazione e dello sfollamento.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da ActionAid International, "Invisible women: A gender analysis of climate-induced migration in South Asia”, 22/07/2021

Photocredit: Farzana Wahidy/ActionAid