Scorri la pagina

Un doppio pericolo

Il Covid-19 e l’aumento della violenza domestica.

Poiché il Coronavirus si diffonde rapidamente in tutto il mondo, la quarantena è la "nuova normalità" per molte persone e le normali regole di vita sono cambiate. Scopri come questo ha portato a un'ondata di pericolo tanto profonda quanto il virus: la violenza domestica.

Lorine, un membro della rete femminile di Nyarongi che lavora per porre fine alla violenza contro le donne in Kenya.

Dall'inizio della pandemia di coronavirus, le attiviste per i diritti delle donne in Cina, Francia, Kenya, Sudafrica, Spagna, Turchia, Regno Unito, Ucraina e Stati Uniti hanno riferito di un aumento delle chiamate alle linee di assistenza e ai servizi di violenza domestica.

Questo nonostante il fatto che per molte donne, a casa con un maltrattatore, sia ancora più difficile telefonare indisturbate.

In tutto il mondo, sappiamo che una donna su tre subisce violenza durante la nostra vita, molto spesso per mano di un partner maschio o di un familiare stretto. In ogni crisi umanitaria, come l'epidemia di Ebola in Africa occidentale e il terremoto di Haiti del 2010, la violenza contro donne e ragazze è aumentata.

Ma soprattutto, gli abusi domestici non sono causati da Covid o da alcuna emergenza sanitaria.

La causa principale della violenza contro le donne e le ragazze è la disuguaglianza di genere: le disparità di potere tra donne e uomini, i sistemi e le norme che li perpetuano.

Queste disuguaglianze consistenti, già profondamente radicate in tutte le società e già la forza trainante della violenza, vengono esacerbate quando le donne sono bloccate con partner o membri della famiglia violenti.

Coronavirus_Donne_750

Come il distanziamento sociale mette le donne a rischio di abusi

La pandemia di coronavirus sta causando un’interruzione dei contatti con i proprio circoli sociali per molte donne.

Una donna ha spesso amici, colleghi e vicini che monitorano informalmente la sua sicurezza e che agiscono come il primo contatto in una situazione di crisi (se hai mai inviato messaggi agli amici per far loro sapere che sei a casa al sicuro dopo una serata fuori, hai anche tu queste reti).

Quindi, quando le donne non possono uscire di casa e devono praticare un rigoroso "distanziamento sociale", queste reti informali iniziano a collassare.

Per una donna che ha bisogno di lasciare una situazione pericolosa e offensiva, regole che limitano il movimento possono impedirle di farlo.

Le femministe hanno documentato queste situazioni più volte. Ci sono strumenti, articoli accademici, blog e dottorati di ricerca sui legami tra crisi e violenza contro donne e ragazze.

Le donne sopravvissute, spesso a costi personali elevati, hanno parlato delle loro esperienze ed hanno organizzato campagne per chiedere una maggiore protezione, servizi migliori e maggiori investimenti da parte del loro governo nei diritti delle donne.

Perché i governi devono dare la priorità alle donne e alle ragazze in questa crisi?

Ad ActionAid, il nostro lavoro di prevenzione e risposta alla violenza contro donne e ragazze non è mai stato così importante.

Con attivisti e partner locali per i diritti delle donne, chiediamo ai governi di fare di più per dare priorità alle donne e alle ragazze nelle loro risposte a Covid-19.

Lakshmi Subramani, direttore nazionale di ActionAid Liberia, ci dice:

“Lo stupro e altre forme di violenza sessuale e di genere aumentano durante le epidemie. Le donne devono essere in grado di denunciare questi casi durante la pandemia e devono essere disponibili risorse per sostenere le donne sopravvissute.

Chiediamo al governo di garantire che l'accesso alla giustizia e la protezione delle donne siano elementi fondamentali per i piani di risposta nazionali ".

Rispondere al  Covid-19 e alla crescente violenza contro donne e ragazze durante i periodi di quarantena, richiede uno sforzo globale e risposte nazionali che valorizzino l'esperienza delle organizzazioni per i diritti delle donne che lavorano da tempo per combattere la violenza.

Le risposte devono essere incentrate sulla giustizia sociale, la solidarietà internazionale e gli obblighi previsti dal rispetto dei diritti umani.

Coronavirus_Donne2_750

Perché la leadership femminile può fare la differenza?

ActionAid supporta risposte locali e guidate dalle donne, da parte di coloro che comprendono veramente le sfide affrontate dalle donne che vivono in isolamento e che possono raggiungere le donne che subiscono violenza in modi che gli attori nazionali o internazionali spesso non riescono a trovare.

In Liberia, durante la crisi dell'Ebola c'è stato un drammatico aumento della violenza contro donne e ragazze, poiché la polizia non è stata in grado di rispondere, i servizi di supporto sono stati ridotti e le sopravvissute non sono state in grado di accedere alla giustizia.

ActionAid sta usando la sua esperienza per accedere alle comunità più difficili da raggiungere attraverso la sua rete di partner locali, comprese le organizzazioni per i diritti delle donne e le leader nelle aree rurali, per distribuire consigli sulla salute e informazioni su cosa fare in caso di violenza domestica. I social media e gli incontri virtuali verranno utilizzati per mobilitare le comunità e diffondere messaggi di sensibilizzazione.

Nei campi profughi di Rohingya a Cox Bazar, in Bangladesh, gli spazi a misura di donna di ActionAid forniscono servizi critici alle donne che subiscono violenza domestica.

I volontari si recano porta a porta (pur mantenendo le distanze sociali) per sensibilizzare sui pericoli di Covid-19 e assicurarsi che le donne sappiano che gli spazi dedicati delle donne di ActionAid sono un posto sicuro dove andare.

E in Libano, ActionAid sta sollevando preoccupazioni per la sicurezza delle donne e chiede una maggiore protezione.

Come spiega Aroub Alkhateeb, Head of Grants and Compliance ad ActionAid Arab Region:

Per le molte migliaia di donne in Libano che non si sentono già al sicuro nelle proprie case, questo "coprifuoco autoimposto" è una sfida enorme.

Le crescenti tensioni nella famiglia dovute alla lunghezza del periodo di confinamento, nonché lo stress e l'ansia legati alla pandemia, aumentano il rischio di violenza domestica.

Allo stesso tempo, è probabile che queste donne più vulnerabili debbano affrontare difficoltà nell'accedere al sostegno a cui hanno diritto a causa di fattori quali aumento della domanda, restrizioni alla mobilità e mancanza di tempo dovuta alle responsabilità di assistenza ai bamini".

Il Covid-19 causa pressioni aggiuntive sulle donne

Oltre a fronteggiare un aumento dei rischi di violenza, le donne e le ragazze che vivono in condizioni di povertà sono colpite in modo maggiore dal Covid-19.

Le donne svolgono tre volte di più lavoro di cura non retribuito rispetto agli uomini, inclusa la cura dei malati e degli anziani. Questo le espone particolarmente al virus.

Le chiusure scolastiche aumentano ulteriormente l'onere della cura per le madri, introducendo l'insegnamento e l'assistenza extra ai loro giorni già occupati.

E nei paesi in via di sviluppo, oltre i due terzi delle donne lavorano nell'economia informale, senza assenze per malattia e indennità di disoccupazione. Man mano che sempre più lavoratori vengono chiamati a rimanere a casa, i redditi familiari e l'accesso al bene di base e ai servizi diminuiscono drasticamente, lasciando le persone senza cibo.

Attraverso i ruoli che svolgono a casa e nella comunità, le donne sono già in prima linea nel rispondere a Covid-19 e al picco della violenza domestica.

Le organizzazioni e le attiviste per i diritti delle donne, radicate nelle comunità locali con relazioni di lunga data e di fiducia, sono nella posizione migliore per identificare, sviluppare e fornire servizi salvavita.

Tuttavia, qualunque sia la situazione in cui si trovano attualmente le donne, hanno il diritto fondamentale a vivere libere dalla violenza.

Pur rappresentando una sfida enorme, questa crisi può anche offrire opportunità di cambiamento, poiché espone disuguaglianze nascoste e crea un'apertura per "ricostruire meglio".

Ci vorrà un grande sforzo per correggere la disparità di genere e cambiare atteggiamenti e comportamenti per garantire che tutte le donne siano al sicuro.

Ma questo grande sforzo non è mai stato così necessario.

 

Cosa puoi fare tu?

Condividi questa notizia sui social media, aiutaci a sensibilizzare con urgenza su questa crisi che interessa milioni di persone nel sud del mondo e dona per sostenere la nostra risposta alla pandemia. Grazie!

 Autrice: Lee Webster - Fonte: ActionAid UK

Crediti fotografici: Karin Schermbrucker/ActionAid; Md. Sariful Islam/ActionAid; Rushdi Saraj/ActionAid