Scorri la pagina

Facciamo sul serio

Proteggere i diritti delle donne nelle catene di produzione globali.

Inquinamento, accaparramento di terre, sfruttamento, violenza contro gli attivisti per i diritti umani e altri comportamenti illeciti: le società multinazionali spesso riescono a evitare qualsiasi conseguenza per le violazioni dei diritti umani e gli impatti ambientali legati alle loro attività. Per le donne questo può essere un problema ancora più grande, specialmente per coloro che vivono in condizioni di povertà ed emarginate nel Sud del mondo.

Gli impatti negativi sui diritti umani delle attività di queste multinazionali non colpiscono in modo uguale uomini e donne. Le attività commerciali possono portare a danni e discriminazioni di genere, esacerbare ruoli e strutture inique all'interno di una comunità e creare ulteriori discriminazioni basate sul genere. Quando cercano aiuto, le donne affrontano ulteriori ostacoli per accedere alla giustizia, anche a causa di norme patriarcali.

È necessario creare norme per individuare queste multinazionali e renderle alla giustizia perché rispondano per gli impatti negativi delle loro attività sulle donne. Senza queste modifiche, infatti, rischieremo di adottare misure che le lasceranno indietro.

Questo report spiega perché tutto questo è necessario e in che modo gli stati e le aziende possono integrare le norme necessarie in materia di diritti umani.

LEGGI IL REPORT (in inglese)

 

Crediti fotografici: Daniel Jukes/ActionAid