Scorri la pagina

Bambine più colpite dalla chiusura delle scuole

Insegnanti parlano di un aumento di matrimoni e gravidanze precoci.

In occasione della Giornata Internazionale dei Bambini, riflettiamo su come proprio loro stiano pagando il prezzo più alto.

Mentre i bambini nel nord sono tornati a scuola, gli insegnanti in Asia, Africa e America Latina riferiscono di come molte ragazze nelle loro classi non possano farlo a causa dell'aumento dei matrimoni infantili, gravidanze precoci e lavoro di assistenza non retribuito durante la pandemia di Covid-19.

ActionAid ha intervistato 130 insegnanti di 14 paesi (*) che lavorano in comunità in cui i mezzi di sussistenza sono stati messi a dura prova durante la pandemia e dove le ragazze sono le più colpite dalla chiusura delle scuole. Secondo gli insegnanti, la maggior parte delle loro scuole sono chiuse da marzo.

Il sondaggio fornisce una panoramica delle preoccupazioni degli insegnanti per una generazione di studenti:

  • Circa tre insegnanti su cinque riferiscono di un possibile tasso di abbandono scolastico più elevato per le ragazze (59%) e per i bambini più poveri (62%) con il continuare della pandemia.
  • Quasi la metà degli insegnanti è preoccupata per gli aumenti di gravidanze (41%) e matrimoni precoci (45%) a causa della crisi Covid-19. Oltre un terzo (35%) è preoccupato per l'aumento della fame.
  • Gli insegnanti affermano che alcuni dei maggiori problemi che impediscono alle ragazze di tornare a scuola sono i genitori che non possono permettersi i costi (62%), il lavoro di cura non retribuito (59%), il lavoro minorile (51%) e il matrimonio precoce (52%).
  • La maggior parte delle scuole (81%) ha dato disposizioni per l'apprendimento a distanza, ma il 76% degli insegnanti ha affermato che meno della metà dei propri alunni è riuscita a tenere il passo con le lezioni.

Husein Goohe, preside di una scuola nel distretto di Gabiley, Somaliland, ha detto che solo 13 alunni - tutti ragazzi - sono tornati alla sua scuola dopo la riapertura a luglio, rispetto ai 119 prima del Covid-19. Ha detto che tutte le 50 studentesse non sono state in grado di tornare, principalmente a causa di matrimoni precoci che ha colpito diverse bambine di 12 anni.

"Mi sono sentito disperato quando ho visto la maggior parte degli alunni non tornare a scuola e continuare il loro apprendimento, investendo nel futuro della comunità", dice. “Il futuro dei bambini sarà più difficile. Temo che finiranno per lavorare precariamente come fanno i loro genitori, lotteranno per sopravvivere ".

La Call to Action di ActionAid sul finanziamento sostenibile per l'istruzione post-Covid, sostenuta da 190 organizzazioni, tra cui Save the Children, Oxfam e il Fondo Malala, stabilisce 10 passaggi per trasformare l'istruzione e fare della pandemia un punto di svolta per aumentare l'uguaglianza e l'inclusione.

L'educazione dei bambini dovrebbe essere la nostra prima priorità ei governi devono garantire che i loro diritti siano rispettati durante questa pandemia.

 

 

(*) Nel mese di agosto 2020, ActionAid ha intervistato 130 insegnanti che lavoravano in 82 scuole in Bangladesh, Brasile, Cambogia, Etiopia, Ghana, India, Kenya, Malawi, Mozambico, Nepal, Nigeria, Ruanda, Somaliland e Zimbabwe.